Bilancio 2015 AIM: utile lordo 13,8 milioni, Ebitda oltre 51 milioni in aumento del 14%, posizione finanziaria in netto miglioramento


Un altro importante bilancio consolidato, con valori di tutto rispetto, quello approvato questa mattina dall’Assemblea di AIM Vicenza Spa; ottenuto dall’Azienda in un contesto economico generale del paese ancora molto difficile. Quelli illustrati dall’Amministratore unico Paolo Colla e dal Direttore generale Dario Vianello al socio Comune di Vicenza, sono risultati di grande rilievo che allungano la serie positiva iniziata già sei anni fa e rappresentano uno dei migliori bilanci in assoluto della società.

I dati e gli andamenti 2015 del Gruppo AIM possono essere sintetizzati in un incremento del valore della produzione che si attesta a 302 milioni di euro (+14 %), nel risultato ante imposte di 13,8 milioni di euro (11,5 nel 2014), in un utile netto dell’esercizio di 7,7 milioni di euro, che consente di distribuire dividendi al socio unico per 2,1 milioni di euro. Il valore aggiunto è pari a 95,7 e l’Ebitda si attesta a 51,4 milioni (+14%). Gli investimenti effettuati nell’esercizio sono pari a 19 milioni di euro; il personale impiegato è di 885 unità medie.

Commentando i risultati, l’AU Colla ha sottolineato come il Gruppo AIM presenti alla fine del 2015 una struttura patrimoniale e finanziaria solida, tale da indurre ottimismo per le importanti sfide che lo attendono, anche nello sviluppo di partnership e integrazioni.

Il Direttore generale Vianello, nel ringraziare i collaboratori e tutta la struttura di AIM per la professionalità profusa in ogni circostanza, ha evidenziato che il Gruppo, pur in una congiuntura economica sfavorevole, ha proseguito nello sviluppo delle strategie delineate nel piano industriale e ha migliorato i principali indicatori patrimoniali, economici e finanziari al livello delle principali società di servizi pubblici, anche nazionali. Ciò permette di guardare con maggiore serenità alle importanti sfide industriali che attendono la Società in tutte le aree di business in cui opera.

 

DATI ECONOMICO-PATRIMONIALI

Il valore della produzione del Gruppo e i costi esterni della produzione si attestano rispettivamente a 302 milioni e 206 milioni (283 e 195 nel 2014). Il risultato operativo, dopo avere accantonato fondi per 8,3 milioni di euro ed effettuato ammortamenti per oltre 24,7 milioni, ammonta a 18,5 milioni di euro. Il risultato prima delle imposte passa da 11,5 milioni del 2014 a 13,8 del 2015. Le imposte di competenza dell’esercizio assommano a 6,2 milioni di euro; l’utile dell’esercizio è di 7,7 milioni di euro.

Sotto l’aspetto patrimoniale, le immobilizzazioni ammontano a 329 milioni di euro, l’attivo circolante a 209 milioni, il patrimonio netto si incrementa da 165 a 173 milioni di euro.

L’indebitamento ammonta complessivamente a 111 milioni di euro, con una riduzione di 24 milioni di euro rispetto al 2014, in presenza di un valore cumulato di investimenti 2007 – 2013 di 205 milioni di euro.

 

PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO

Sotto il profilo finanziario, la Società ha proseguito nella razionalizzazione dei rapporti con il sistema creditizio con l’obiettivo di un miglior riequilibrio della situazione patrimoniale, il recupero di fonti di finanziamento per lo sviluppo degli investimenti e la riduzione della posizione finanziaria netta.

Tra le diverse operazioni finanziarie effettuate dalla Società, va segnalato il rapporto con BEI (Banca Europea per gli Investimenti): l’Istituto ha erogato ad AIM un finanziamento complessivo di 45 milioni, approvato sulla base dei progetti redatti dal Gruppo AIM e riconosciuti idonei dall’ente finanziatore.

AIM Reti.

La società chiude con un utile netto di circa 2 milioni, con investimenti per oltre 11 milioni. Per quanto riguarda la distribuzione di energia elettrica, la Divisione ha completato la manutenzione straordinaria di 39 cabine di media e bassa tensione. I principali investimenti hanno riguardato il rifacimento dei quadri di media tensione alla cabina primaria Pasubio; la posa di un elettrodotto dalla cabina Pace2 alla cabina S.Silvestro, il collegamento di media tensione tra Cabina Gogna 116 e Cabina Enel 211085

È stata completata la progettazione esecutiva delle due nuove cabine primarie di trasformazione alta e media tensione a 132 KV di Monte Crocetta e Viale Rumor, che saranno oggetto di bando di gara nel corso del primo semestre 2016. Tali cabine saranno collegate alla rete nazionale primaria a 132 KV, dal nuovo elettrodotto attualmente in fase di realizzazione da parte della società Terna.

Per quanto riguarda la distribuzione gas, la Divisione ha dismesso 874 metri di tubazioni in ghisa con giunzioni in canapa-piombo e circa 2.878 metri in altro materiale. Ha sostituto a Vicenza e a Treviso circa 2.807 contatori con più di 25 anni di servizio. Nel 2015 sono stati dotati di sistema di telelettura 1.617 nuovi misuratori, portando a 2.916 il numero totale di misuratori elettronici.

AIM Energy

La società ha fatto registrare un utile netto di 4,6 milioni. Ha venduto 245 milioni di metri cubi di gas naturale (253 nel 2014, – 3,4%) e 383 GWh di energia elettrica (308 nel 2014, + 24,1%).

A marzo 2015, AIM Energy ha acquistato il 51% del capitale di Cogaspiù Energie Srl, che di fatto entra a far parte del Gruppo AIM. In questo modo, AIM estende il proprio business in Abruzzo, Lazio, Molise e Puglia.

Sempre nel 2015, AIM Energy ha definito un accordo nazionale con una importante associazione di categoria del settore commercio grazie alla quale la Società ha realizzato incrementi significativi nel micro business in termini di clienti e di consumi annui.

Il numero di clienti registrati che utilizzano l’area riservata del sito internet è cresciuto del 50% rispetto al 2014 attestandosi a oltre 27.000.

AIM Ambiente chiude il 2015 con un utile di 1,8 milioni di euro con investimenti per oltre 1,8 milioni. La società dimostra, sulla base dei dati della Customer Satisfaction, un quadro positivo del rapporto con l’utenza, con un Indice Sintetico di Soddisfazione che si posiziona sul valore di 90 su 100 (89,6 nel 2014). Il confronto con le passate rilevazioni evidenzia come, dal 2003, tale indice sia costantemente cresciuto ed abbia avuto, nel periodo 2011-2015, il miglior incremento in assoluto. La società ha incrementato anche nel 2015 l’indicatore di raccolta differenziata, che ha raggiunto il 67,2 % rispetto al 65,7% del 2014, partendo dal 47,3 % del 2007. LEGAMBIENTE colloca la città di Vicenza al decimo posto tra le città capoluogo d’Italia con oltre 100.000 abitanti in termini di raccolta differenziata.

AIM AMCPS chiude con un risultato a più 114.000 euro. Ha partecipato a gare bandite dai comuni contermini ottenendo risultati soddisfacenti.

AIM Mobilità archivia il 2015 con un bilancio in sostanziale pareggio (+26.000 euro) e ha operato investimenti per 1,4 milioni, ha introdotto numerose innovazioni nella gestione del ramo sosta, come la messa in funzione di una nuova procedura per il rinnovo on-line degli abbonamenti sugli stalli blu e gialli.

 

INVESTIMENTI

Nel corso del 2015, il Gruppo ha effettuato investimenti industriali per complessivi 19 milioni di euro, adeguatamente ripartiti in tutte le linee di attività erogate. Tra i principali, vanno segnalati quelli di AIM Reti nella Divisione gas, per circa 4,2 milioni di euro; nella Divisione energia sono stati effettuati investimenti per circa 4 milioni di euro, mentre nella Divisione teleriscaldamento, con oltre 20 km di rete cittadina di teleriscaldamento e circa 10.100 appartamenti equivalenti serviti, sono stati fatti investimenti per circa 511 mila euro per manutenzioni straordinarie sulla rete, per l’avvio dell’attraversamento ferroviario al park Bassano, per la progettazione dell’estensione della rete nell’area di viale Mazzini e l’incremento della quota di calore proveniente dal pozzo geotermico.

AIM Mobilità ha rinnovato il parco mezzi acquistando 2 bus da 18 metri a basso impatto ambientale, ed effettuando interventi su impianti fissi delle linee per complessivi 1,4 milioni di euro.

AIM Ambiente ha acquistato strutture per la raccolta differenziata (bidoncini, cassonetti, campane ecc.) per circa 330 mila euro e potenziato, con 920 mila euro, il parco mezzi con l’acquisto di 5 compattatori, 1 autocarro con idropulitrice, 1 furgone da 35 quintali, 1 escavatore gommato e 5 autocarri.

AIM AMPCS ha acquistato 12 mezzi operativi e potenziato le proprie strutture aziendali.

SIT ha effettuato investimenti per circa 728 mila euro, distribuiti in manutenzioni straordinarie a sugli impianti esistenti, rinnovando attrezzature per la raccolta e il trattamento dei rifiuti.

 

PRINCIPALI DATI QUANTITATIVI

La quantità di gas naturale venduto dal Gruppo AIM ai clienti è aumentata del 1,9% rispetto al 2014, arrivando a 258,5 milioni di metri cubi. È aumentata pure l’energia elettrica venduta, passando da 309 a 387 milioni di kWh (+25,4% rispetto al 2014). La vendita di energia termica, pari a 39,7 milioni di kWh, ha registrato un incremento del 12,8%.

 

AIM Energy ha aumentato il numero di contratti energia elettrica e gas passando da circa 168 mila a circa 174 mila, grazie alle nuove acquisizioni sul mercato libero dell’energia elettrica.

AIM Ambiente ha raccolto 67 mila tonnellate di rifiuti di cui 44 mila provenienti dalla raccolta differenziata (+3,8%) che migliora quindi rispetto al 2014 portando l’indice di differenziata al 67,5%.

AIM Reti ha immesso 254 milioni di metri cubi di gas, e 1,13 milioni di megawatt di energia elettrica.

AIM AMCPS si è fatta carico della cura e manutenzione di 1,2 milioni di metri quadri di verde e di 1.535 alloggi popolari, e ha garantito la gestione e la manutenzione di stabili comunali, edifici scolastici e uffici. Nel corso dell’anno, sono stati effettuati interventi di sistemazione per buche, avvallamenti o ammaloramenti distribuiti su 563 chilometri di strade comunali.

I mezzi di AIM Mobilità hanno percorso 4,4 milioni di chilometri (4,1 nel 2014), trasportando 12,1 milioni di passeggeri (11,2 milioni nel 2014). La Divisione Sosta, infine, ha gestito 13 parcheggi a sbarra con 1,9 milioni di auto entrate (1,6 milioni nel 2014).