AIM ed ENEA alleati per l’innovazione e lo sviluppo di energie rinnovabili


Firmato tra la multiutility vicentina e l’Agenzia nazionale un protocollo d’intesa per la ricerca di soluzioni tecnologiche avanzate e la sensibilizzazione in materia di efficienza energetica, anche attraverso l’utilizzo degli strumenti finanziari.

 

Il Gruppo AIM, multiutility del comune di Vicenza, ed Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, hanno firmato questa mattina un protocollo d’intesa sull’innovazione tecnologica nel settore delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Hanno sottoscritto l’accordo l’Amministratore unico di AIM Gianfranco Vivian e il presidente ENEA Federico Testa, alla termine di un convegno, svoltosi nella Sala Palladio di Palazzo Bonin Longare, in corso Palladio a Vicenza, dal titolo “Le performance energetiche degli edifici e la loro messa in sicurezza per la riqualificazione edilizia del futuro”, a cui hanno partecipato i vertici e numerosi professionisti di tutte le principali associazioni categoriali. Sono intervenuti anche Claudio Pozza, vice presidente ANCE Vicenza, e il sindaco di Vicenza e presidente della Provincia Francesco Rucco.

L’accordo sottoscritto tra AIM ed ENEA si prefigge di promuovere la conoscenza in materia di tecnologie collegate all’efficienza energetica; rafforzare la consapevolezza degli utenti finali sui benefici economici ed ambientali dell’efficienza energetica; supportare le Amministrazioni e le Imprese in ogni azione volta al miglioramento dell’efficienza energetica; favorire iniziative congiunte volte a ricercare e sperimentare soluzioni tecnologiche innovative nei campi della generazione da fonte rinnovabile, dello storage, del demand response e del power to gas.

AIM ed Enea, a tal fine, organizzeranno attività congiunte al fine di facilitare l’organizzazione di progetti ed iniziative per migliorare l’efficienza energetica attraverso l’utilizzo degli strumenti finanziari; migliorare l’azione di informazione e la consapevolezza degli utenti finali sui benefici economici ed ambientali dell’efficienza energetica e sull’importanza delle diagnosi energetiche; fornire un supporto al Patto dei sindaci e ai suoi firmatari per l’implementazione delle priorità definite nei rispettivi Piani locali per l’Energia sostenibile; condividere conoscenze ed esperienze in materia di generazione da fonti rinnovabili, avviando laddove possibile, iniziative congiunte di ricerca e sperimentazione in questi settori.

Naturalmente si tratta di un accordo aperto anche ad altre collaborazioni territoriali e ad altri soggetti istituzionali e categoriali che hanno diretti interessi nell’ambito specifico della progettazione, gestione e ottimizzazione di contesti nei quali il risparmio energetico e la sostenibilità sono richiesti e auspicati.

«L’opportunità – ha dichiarato il presidente ENEA Federico Testa – data dagli eco bonus, e dalla loro cedibilità, di procedere alla riqualificazione energetica dei condomini, apre ampie possibilità di miglioramento della qualità della vita dei cittadini e di spinta forte al settore dell’edilizia. Dobbiamo pertanto coglierle al meglio».

«Un primo progetto che si intende attuare sul territorio vicentino – ha segnalato l’Amministratore unico di AIM Gianfranco Vivian – sarà rivolto alla rigenerazione urbana dei fabbricati, specificamente ai condomìni, attraverso la riqualificazione energetica degli immobili con il coinvolgimento di una molteplicità di soggetti (costruttori, impiantisti, progettisti, multiutility, banche) che possono rappresentare lo strumento più efficiente per dare risposte complete e veloci anche ad esigenze complesse».